GL 2020, la soluzione per gestire nuove opportunità di business

0
40

Un’esperienza ultraventennale nella realizzazione di software gestionali nell’ambito delle lavanderie, laboratori, guardaroba e sartorie. Una piattaforma innovativa che garantisce, rapidità delle procedure, facilità di utilizzo, controllo efficace di tutte le fasi di lavoro, puntualità organizzativa. Parliamo di GL 2020, con sede a Bologna e, in particolare, ci confrontiamo con Dario Leggieri, general manager dell’azienda. “Il mercato della lavanderia è il nostro core business e sono innumerevoli i laboratori e le attività artigianali che utilizzano i nostri sistemi, tra le quali possiamo annoverare alcune aziende tra le più prestigiose del settore. Continui studi e approfondimenti ci hanno permesso di mettere a punto sistemi gestionali in grado di risolvere tutte le problematiche del cliente. Ogni realtà ha le sue specificità ed è essenziale fornire delle risposte personalizzate, ritagliate sui bisogni della clientela, nel rispetto delle singole policy aziendali.

La nostra operatività è rivolta in primis alle attività artigianali (come ho detto) con le quali abbiamo conseguito importanti traguardi sia per ciò che riguarda il software di gestione, che è in grado di adattarsi ai più svariati modi di condurre questa tipologia di negozi, sia per quanto concerne i sistemi di automazione dei nastri trasportatori e di ricomposizione dei capi. Il gestionale permette una feconda sinergia tra l’ambito commerciale e l’utilizzatore finale, il cliente, il quale è aggiornato costantemente sul trattamento dei capi.

Una lavanderia svolge innumerevoli attività, spesso diversificate, dalla custodia dei capi all’esternalizzazione di alcune lavorazioni che hanno bisogno di trattamenti particolari e specifici. Noi con i nostri gestionali riusciamo a garantire la massima fluidità nelle operazioni, mantenendo il pieno controllo di tutte le fasi di gestione di un capo.

“Opportunità interessante, la “locazione operativa” delle soluzioni software”

Nel nostro pacchetto di offerta abbiamo predisposto anche la “locazione operativa” delle nostre soluzioni software”. Quali sono i vantaggi? “Non richiede la mobilitazione delle proprie risorse economiche e rafforza la solvibilità verso la banca di riferimento. La locazione ha un impatto minimo sui margini di credito presso le società di servizi finanziari e non intacca gli indici di bilancio. Attraverso i canoni fissi di locazione, la pianificazione aziendale è chiara ed equilibrata, è stata pensata appositamente in quanto ogni realtà ha priorità ed esigenze diverse”. Nell’ambito di EXPOdetergo International 2022 avete presentato alcune novità rilevanti ma anche a nuove opportunità di business per le attività imprenditoriali del mercato della manutenzione tessile e in particolare delle lavanderie. Innanzitutto il Locker ma anche la Porta di deposito e di riconsegna automatica.

“Il Locker è uno strumento di crescita per le lavanderie”

Ce le vuole illustrare?
“Entrambe sono dotate di sistema di pagamento sia con contanti sia con carta di credito o Pos. Nello specifico il Locker è un’opportunità per le lavanderie di crescere in volume di lavoro e di redditività. Il Locker può essere installato in aziende e in un’ottica di sviluppo del welfare aziendale, consente un totale abbattimento fiscale e contributivo sia per l’azienda che per il dipendente (fino a 3.000 euro eccezionalmente solo per il 2022, ma comunque per 2023 fino a 2.000 euro).

Il dipendente ha l’opportunità di usufruire del servizio di lavanderia lasciando i capi nel locker e di ritirarli nello stesso punto successivamente. Può essere installato anche in condomini, realizzando efficacemente un servizio sottocasa, ma anche in altri ambiti”.

Il locker come funziona operativamente? “L’utilizzatore digita la tipologia dei capi che lascia nel locker e la lavanderia riceve la notifica dei capi depositati. Alla fine il cliente riceve la notifica dei capi pronti da ritirare attraverso l’APP “Pronto lavanderie”. È un sistema triangolare di comunicazione, Locker, cliente, lavanderia. L’APP è a disposizione su Apple store per i sistemi operativi IOS, oppure da Play store per Android. Il pagamento può essere anticipato o essere effettuato quando si ritirano i capi trattati. Il locker è concepito per contenere sia capi appesi sia piegati. Viene acquistato dalla lavanderia che lo può collocare dove ritiene più proficuo ed opportuno. Abbiamo notato nella commercializzazione del prodotto un ampio interesse da parte di investitori, che li collocano in differenti punti del territorio.

Viene sottoscritto un accordo tra l’investitore e una lavanderia del territorio, una nuova opportunità di business da parte di chi non è un lavandaio di professione. L’investitore riceve una percentuale su ogni capo trattato. Il software mette in collegamento l’investitore, il locker, la lavanderia e il cliente (attraverso l’APP), ogni soggetto così, è opportunamente informato. Per quanto riguarda la Porta di deposito e di riconsegna automatica, vengono installate nell’ambito di una lavanderia tradizionale o anche attraverso un cosìdetto “punto freddo”, cioè un locale senza personale dedicato.

 

 

 

 

 

Si compongono di un semplice sportello di raccolta, in cui la persona si deve identificare per lasciare gli indumenti, ed uno, distinto, di riconsegna, collegato con un nastro trasportatore. Il cliente attraverso l’APP si identifica ed effettua i pagamenti sia in contanti sia con ogni tipo di carta di credito o POS. In Italia siamo ancora in una fase embrionale, ma all’estero utilizzano dei piccoli locali dedicati e in alcuni casi addirittura dei container. Da come si sta muovendo il mercato e dall’interesse che abbiamo riscontrato a EXPOdetergo international 2022, riteniamo che attraverso queste novità ci siano ottime opportunità di business per le lavanderie”, conclude Dario Leggieri. •

 

 

 

G.L. s.r.l.
Via Dell’Arcoveggio, 74 – 40129 Bologna (BO) – Italia
Tel: +39 051 862019 Fax: +39 051 8901487
e-mail: info@glbologna.it
www.gestionaliperlavanderie.it

di Marzio Nava
Rivista DETERGO # Gennaio 2023

Previous articleEDITORIALE – AIFL, EXPOdetergo e Detergo: un cambiamento nella continuità
Next articleREPORTAGE – COME STA CAMBIANDO LA LAVANDERIA SELF SERVICE?