EDITORIALE – AIFL, EXPOdetergo e Detergo: un cambiamento nella continuità

0
17

Il cambiamento è già stato ampiamente preannunciato all’evento di chiusura di EXPOdetergo international 2022. Un restyling dei brand che riguarda Assofornitori, EXPOdetergo e Detergo, quest’ultimo come sistema di comunicazione. L’unico brand a cambiare denominazione è Assofornitori che diventa AIFL, Associazione Italiana Fornitori Lavanderie. Un cambiamento nella continuità, potremmo definirlo, senza cadere nell’ossimoro. Nel senso che la storia, i modelli di riferimento, il patrimonio di valori, non cambiano. Vengono aggiornati i modelli di business, le modalità di azione in relazione ai mutamenti del mercato.

Ecco perché i brand andavano rivisti, opportunamente aggiornati e rilanciati. Perché il contesto cambia e non si può, anzi non si deve, rimanere fermi. Partiamo dalla rivisitazione dei brand, entrando nel merito. Il presupposto è stato quello di creare un EcoSistema, cioè la compatibilità ambientale, come valore, come filo conduttore e anche filosofia associativa che accomuna tutti e tre i brand. La sostenibilità è un tema importante, fare di più con meno, è questo l’obiettivo delle nostre aziende e dei tre simboli combinati in un sistema virtuoso. Ma alla ratio sottesa alla riformulazione dei brand, oltre alla sostenibilità ci sono i punti di forza della manifestazione fieristica EXPOdetergo International appena conclusa, digitale ed igiene.

Perché la partita per il sistema lavanderia si gioca tutta all’interno di questi tre capisaldi (sostenibilità, digitale ed igiene), di questi punti di forza che sono contestualmente tre obiettivi da raggiungere. Ma EcoSistema è inteso anche come un insieme organico ed eterogeneo di differenti player, in un mercato, quello delle lavanderie, che è un puzzle caratterizzato da molte tessere, ognuna appartenente ad un segmento specifico: lavaggio a secco e ad acqua, stireria professionale, detergenti, prodotti tessili, logistica e gestionali per lavanderia. I riferimenti sono sempre gli stessi: lavanderia industriale, laboratori, attività più piccole a conduzione artigianale, fino all’Ho.Re.Ca. Nello specifico, graficamente è stato essenziale individuare un elemento comune del sistema, il processo.

Inteso sia come processo di lavaggio, comune a tutti e tre i brand, sia come processo relazionale o meglio associativo, animato da persone ed aziende. Altro elemento importante è quello della mosaicità, elementi che si ripetono e si rimodulano cambiando forma. Le parti del brand scomposte sono virtuosamente utilizzate per impreziosire il magazine, che in questo 2023 troverete profondamente cambiato nel layout. Una rivista tecnica, che in questa nuova veste risulta più facile nella lettura e di più immediata comprensibilità.

L’obiettivo è sempre quello di essere a supporto dei lettori ed è per questo che riteniamo sempre più essenziale la presenza di articoli tecnici, importanti per tutti gli attori di mercato. Un sistema di comunicazione in cui il magazine, interagisce con il portale Detergo.EU e con i social (Facebook e LinkedIn). Il sito internet al termine del 2022 ha raggiunto un nuovo record di traffico, superando i 70 mila accessi di utenti unici. Sono i contenuti del magazine veicolati in digitale, sui differenti device. Un traguardo che ci inorgoglisce e che contribuisce a dare un ulteriore slancio a ciò che facciamo quotidianamente.

di Marzio Nava
Rivista DETERGO # Gennaio 2023

Previous articleTessuti elasticizzati, tutti i difetti più frequenti a seguito dell’uso e della manutenzione
Next articleGL 2020, la soluzione per gestire nuove opportunità di business