Home » News » Italia » Servizi Italia, rules for excellenceServizi Italia, la regola della perfezione

Servizi Italia, rules for excellenceServizi Italia, la regola della perfezione

A visit to the Montecchio Precalcino (Vicenza) facility, where 24 tons of hospital linens and healthcare articles are washed every day

Visita allo stabilimento di Montecchio Precalcino (Vicenza), dove ogni giorno vengono lavati 240 quintali di biancheria ospedaliera e materiali sanitari

di/by Stefano FerrioDozens of green scrubs perfectly ironed by powerful air compressors.Tons of linens distributed among the 20 chambers of an enormous washing machine. And electronic sensors that read the bar code of each still-damp garment. And then send it, based on the needs of that specific customer, to the dryer and folder-ironers, whose aptitude for “thought” and action would be right at home on a spacecraft for the next trip to Mars.

Displays of virtuosity in automation technology and human ‘orchestration’ designed for those with a certain nostalgia for good music, who are always ready to claim that nowadays it’s nowhere to be found. That no one sits down to compose symphonies like those written by Beethoven and Mozart. True, provided you can agree up front what a 21st-century symphony might be like, and where such notes and counterpoint might be found.

You get a feel for it inside the facility managed by Servizi Italia in Montecchio Precalcino, in the ItalianprovinceofVicenza. And you feel even more strongly about it when you leave, gratified by the “spectacular show” you just witnessed, as if they had served up a philharmonic orchestra at the height of its playing and interpretive splendor.

It’s all about tempo, movement, color, and synchronization. In other words:  “Music”. An endless symphony, built upon lively recurring gestures, entrusted to the wisdom and skill of dozens of operators whose job it is to take in, sort, treat, wash, iron and ship back to the sender something on the order of 24 tons of healthcare materials. Hundreds and hundreds of pounds of soiled linens arriving every day, and as many clean ones going out, governed by shifts that run from dawn to dusk, including Saturday mornings. Genuine 21st-century harmony, produced by the virtual intertwining of human labor, high technology, and corporate planning. It’s a bit like watching a sequel to Disney’s “Fantasia” — similar “music” of spin dryers, ironers and conveyor belts, but featuring real live men and women, instead of animated characters.

“Just think – explains the firm’s director, Ivana Saugo, in no uncertain terms – this facility serves twenty-seven hospitals in theVenetoand Emilia Romagna areas, thanks to the orchestrated activity of ten washing control units, and all the machines and processes connected to their operations”.

Finally, it all starts to add up. Our mind does the math, more or less consciously when, visiting a hospital, it records the number of daily changes of thousands of articles, divided among linens, accessories and tools that are absolutely indispensable to the functioning of every ward, clinic and operating room of such a large and complex structure. What appears to be a sort of ongoing magic act, in reality is a model of efficiency. And the credit for this goes to Servizi Italia, established 26 years ago by a project that, little by little, was transformed into the ten current locations, each engineered to serve the hospitals in its area.

“Working in healthcare, an industry that cannot allow the slightest oversight or delay of any kind – continues Ms. Saugo – the only rule we have is perfection. That means impeccable staff, machinery with the utmost efficiency, strict scheduling, cleanliness that is our religion, constant safety guaranteed to our  employees and our customers, disinfection procedures carried out to the strictest standards. Clearly, you can’t supply 99% clean laundry to a hospital; it has to be 100%, all the time. Which, for us, means that the slightest malfunction can bring operations to a standstill, down time that we can’t afford, for the good of the community, as well as our own”.

As with all Music with a capital M, it implies skill and mastery. This quickly becomes clear by the role of the staff person whose job it is to check that each of the ten control units is connected to specific wash programs, each one set up to emit specific doses of detergent, fabric softener, and hydrogen peroxide. In the symphony of Sistemi Italia, it’s a sort of first movement that gives rise to many others. More than one of these can be admired at Montecchio Precalcino. Like the alarm that indicates the 70th washing of Gore-Tex garments, which then must be disposed of. Like the water-soluble film used to wrap infected materials, that dissolves when it comes into contact with water, ensuring that the operator is never exposed. Like the scrupulous automation procedures called for inside the sterilization control unit, where each hermetically sealed autoclave unloads the clean linens directly into the container belonging to the local health authority where it’s to be delivered, with immediate departure of the truck. Like the carefully cleaned universal sets for operating rooms prepared and ready for new surgeries. Like the super-efficient robots that fold garments as they come off the ironers. Like the polo shirts, K-ways and overalls assigned to the “care” of the Social Area.

“As regards this particular type of clothing  – jokingly concludes Ivana Saugo – if the doctors and nurses are watching a medical TV series like House, they usually inundate us with requests for a special button arrangement or fold, just like the ones they saw on TV. Within the limits of our possibilities, we try to please them, because to tell the truth, at Servizi Italia we are even bigger perfectionists than Dr. House”.


Decine di camici verdi perfettamente stirati da potenti compressori d’aria. Quintali di biancheria distribuiti fra le venti camere di una gigantesca lavatrice ad acqua. E occhi elettronici che riconoscono il codice a barre di ogni capo ancora umido. Per poi affidarlo, secondo le esigenze del cliente identificato, all’asciugatura e alla piegatura effettuate da mangani la cui capacità di “pensiero” e azione troverebbe posto sull’astronave di un prossimo viaggio su Marte.

Virtuosismi di automazione tecnologica e regia umana dedicati a qualche nostalgico della buona musica, pronto a sostenere che al giorno d’oggi non se ne ascolta più. Che sinfonie per lo meno simili a quelle scritte da Beethoven e Mozart nessuno si mette più a comporle. Vero, a patto di mettersi d’accordo su cosa può essere diventata una sinfonia nel XXI secolo, e dove mai si dà occasione di scoprirne note e contrappunti.

Lo si intuisce all’interno dello stabilimento che la società Servizi Italia ha in gestione a Montecchio Precalcino, in provincia di Vicenza. E lo si pensa con ancora maggior convinzione una volta usciti da lì, appagati dallo “spettacolo” appena ammirato, come ce lo avesse ammannito un’orchestra filarmonica nel pieno del suo fulgore esecutivo e interpretativo.

Questione di tempi, movimenti, colori e sincronie. “Musica”, in una parola. Una perpetua sinfonia, costruita su incalzanti movimenti periodici, e affidata alla sapienza e al mestiere di decine di operatori incaricati di ricevere, smistare, trattare, lavare, stirare e rispedire al mittente qualcosa come ventiquattro tonnellate di materiale sanitario. Quintali di sporco ogni giorno in entrata, e altri di pulito in uscita, regolati da turni che vanno dall’alba alla sera, e comprendono il sabato mattina. Autentica Armonia del XXI secolo, prodotta dall’intreccio virtuoso fra lavoro umano, alta tecnologia, pianificazione aziendale. Un po’ come assistere a un seguito di “Fantasia” di Disney: analoga “musica” di centrifughe, mangani e nastri trasportatori, ma donne e uomini in carne e ossa al posto dei personaggi animati.

“Basti pensare – spiega in termini molto chiari la direttrice Ivana Saugo – che questo stabilimento serve ventisette ospedali di Veneto ed Emilia Romagna, grazie a un’organizzazione basata su dieci centraline di lavaggio, e a tutte le macchine e le procedure connesse alla loro attività”.

Ecco che allora certi conti finalmente tornano. Quelli che, in modo più o meno consapevole, la nostra mente fa quando, visitando un ospedale, registra ricambi quotidiani riferiti a migliaia di capi suddivisi fra biancheria, accessori e strumenti semplicemente indispensabili al funzionamento di ogni reparto, ambulatorio e sala operatoria di un complesso così grande e articolato. In apparenza una specie di ininterrotta magia. In realtà un modello di efficienza di cui si deve il merito a Servizi Italia, nata ventisei anni fa da un progetto via via trasformatosi nelle dieci sedi attuali, ognuna organizzata per servire gli ospedali della propria regione.

“Lavorando per la sanità, settore che non può permettersi negligenze e ritardi di alcun genere – continua la signora Saugo – noi abbiamo come unica regola quella della perfezione. Ovvero personale impeccabile, macchine al massimo dell’efficienza, tempi rigorosi, igiene come una religione, sicurezze costantemente garantite a dipendenti e clienti, procedure di disinfezione eseguite secondo standard irrinunciabili. Ovvio che a un ospedale non si può fornire biancheria pulita al 99, ma sempre al 100 per cento. Per cui qui la minima disfunzione può significare blocco dell’attività, e tempi morti che non possiamo permetterci per il bene della comunità, oltre che nostro”.

Come ogni Musica con la maiuscola, essa implica conoscenze e virtuosismi. Lo si capisce già dal ruolo dell’addetta a verificare che ognuna delle dieci centraline sia collegata a determinati programmi di lavaggio, ognuno calibrato su dosi ben precise di detersivi, ammorbidenti e acque ossigenate. Nella sinfonia di Sistemi Italia è una sorta di primo movimento da cui ne discendono innumerevoli altri. A Montecchio Precalcino capita di ammirarne più di uno. Come il segnale che comunica il settantesimo lavaggio di indumenti in goretex destinati perciò a essere eliminati. Come la pellicola idrosolubile che avvolge il materiale infetto, e si scioglie una volta a contatto con l’acqua, impedendo qualsiasi contatto diretto con l’operatore. Come le rigorose procedure di automazione previste all’interno della centrale di sterilizzazione, dove ogni autoclave a chiusura ermetica riversa la biancheria pulita direttamente nell’armadio dell’Asl a cui è diretta, con partenza immediata del furgone. Come i set universali per sale operatorie accuratamente puliti e preparati per nuovi interventi chirurgici. Come gli efficientissimi robot addetti alla piegatura dei capi appena stirati. Come le polo, le k-way e le tute affidate alle “cure” dell’Area Social.

“A proposito di questo particolare abbigliamento  – conclude scherzando Ivana Saugo – se medici e infermieri stanno guardando una serie tipo Dottor House, di solito non la finiscono più con il richiedere l’abbottonatura o la piega uguali a quelle viste in Tv. Nei limiti del possibile li si accontenta, perché in realtà a Servizi Italia siamo ancora più perfetti del Dottor House”.

Check Also

COVER STORY — La “Cool Chemistry” di Christeyns ha fatto “boom” nelle lavanderie industriali

Un anno di commercializzazione della “chimica gentile” è bastato alla divisione italiana della multinazionale belga …