Home » News » Italia » Reporting on the companies that produce for the dry cleaning sector: FIRBIMATIC – ILSA – ITALCLEANReportage nelle aziende che producono macchine per il lavaggio a secco

Reporting on the companies that produce for the dry cleaning sector: FIRBIMATIC – ILSA – ITALCLEANReportage nelle aziende che producono macchine per il lavaggio a secco

Italian Machinery

Reporting on the companies that produce for the dry 

cleaning sector: FIRBIMATIC – ILSA – ITALCLEAN

 

Aziende a Confronto : FIRBIMATIC – ILSA – ITALCLEAN
TECNOLOGIE

Macchine d’Italia

Reportage nelle aziende che producono macchine per il lavaggio a secco: FIRBIMATIC – ILSA – ITALCLEANItaly is not only fine food, beaches, art treasures, beach umbrellas and fashion. As anybody looking at maps of the Italian economy knows very well, the entire country also stands out for its highly specialized industrial-artisan production, which continues to be Italian-made and is among the most competitive in Europe. A description that fits Emilia Romagna, an important region in Italy, to perfection. Not only beaches, cities with art treasures, ballroom dancing and tortellini. In the industrial sector, dry cleaning machinery is one of the aces up its sleeve. This explains why three companies from Emilia were intentionally chosen, in alphabetical order, as the starting point for a road show (this being the first leg) of the brands and machines that have made the history of this entire, and ever so important, sector of Italian companies for over half a century.

Firbimatic, a future-oriented company

More than half a century ago some 20 factories in the area of  Bologna discovered that perc and trichloroethylene could be used to run the tunnel washers in the era of the economic boom. In one of those pioneer workshops belonging to the Donini  Brothers, a workman by the name of Gino Biagi engaged in a “competition” designed to copy from each other the “fast” machines with a view to winning bigger market shares.

In 1971, as a result of the need for a more selective production system, the former Gino Biagi workman, armed with previous hands-on experience, decided to set up Firbimatic, the company of which he is still the president today.

Firbimatic has always stood out as a world’s leading self-contained anufacturer with all of its machines fully built in-house, at the factory located in Sala Bolognese (central Italy). This applies to both the very “heart” of the machine consisting of components obtained from metal sheet and to the machine “lifeblood”, based on premium quality refrigeration units. Loading capacity ranges from 10 to 100 kg for both machines operating on perc and those using alternative solvents.

Being able to build everything in-house is vital to further support the company’s unwavering commitment to innovation, which is one of Firbimatic’s main strengths. “In this regard, the best case in point is that of laser technology”, says Mirco Mongillo, a company sales manager. “We started fitting out our machinery with laser devices in 1980 when we were probably the only ones in the world to do that. Today, our current production based on those prototypes is exported to more than 100 countries”.

Nothing beats creativity when it comes to jump-starting a sluggish  market. The future calls for more energy efficiency and enhanced environmental protection and in response to this Firbimatic has developed machines the likes of Saver that use 6 kW of power, eliminate the need for water and use alternative hydrocarbon class III A / B solvents which are odorless and environmental friendly.

Another best-seller is System K4 which also uses a new alternative solvent. Last but not least, Hydroflex is the new 3-in-1 machine that combines three different functions: washer/extractor, closed-circuit dryer, and dry cleaning using alternative solvents.

ILSA and its winning philosophy

The catalog of ILSA, a leading manufacturer of dry cleaning  machines based in San Vincenzo di Galliera (close to Bologna), at first sight reads like an encyclopedia. And this impression is not far from the truth as the company offers a wide array of models to meet virtually every need.

The company was set up at the end of the 70s from the merger of some of the leading players in the area of dry cleaning machinery and metal working in general. The company has earned a reputation worldwide for its excellence and its philosophy of “more for less”. When describing the Ipura model, one of the company’s top-of-the-line products, Marco Mallegni, CEO of ILSA, explains that “this machine is the result of our focus on the essentials, we have

basically stripped away all the superfluous parts and eliminated the extractor, the steam, the distillation and the need for fastening it to the floor while achieving excellent results using only air, a solvent mist and the necessary expertise and innovation required to rise up to this technological challenge. Based on the extremely positive response obtained from the market with more than 1200 machines sold across the globe, we believe we have successfully tackled the challenge”.

All of the different parts and mechanisms of the Ipura machine have been perfectly fine-tuned to work seamlessly together, with the heating unit as the “heart” of the machine, designed to optimize solvent temperature without affecting the machine performance and without requiring any energy from outside sources.

If Ipura is the go-to product for small and medium sized businesses, the larger industrial laundries can rely on the powerful machinery for which the company has been leading the market for several years. ILSA’s machines operate on two different solvents:  the conventional perc (as is the case with the MEC and BW lines) as well as hydrocarbon solvents and the next generation solvents for the C2 and N2 lines, with loading capacity from 10 to 70 kg. ILSA thus reconfirms its unwavering commitment to innovation, as

substantiated by its President, who, together with his friend Bonvicini  at a leading Paris show wowed the world with its first close circuit machine, an all-time first for dry-cleaners.

Italclean, a global player

Everything is people friendly at Italclean, the company based in San Giorgio di Piano, near Bologna (central Italy). Sober and clean rooms, almost family relationships, a touch of artisan craftsmanship applied to the production of

state-of-the-art machinery. Today, this is more than enough to effectively

communicate the value of this company, as even small details speak volumes.

Starting with a meeting with Jalal, who, as his name suggests, mainly deals

with Arab and African markets and who prompted the company sales manager, Eugenio Boni, to claim that: ” Italclean is an up-and-coming brand, born in the  era of market globalization and because of this strongly export oriented from the very start”.

Our international reach – continues Boni – is our major asset today. As a result

of the worldwide crisis that is being keenly felt in Italy, no Italian company

decides to renew its machinery unless it stops working altogether. By contrast, there is no shortage of opportunities that wait to be seized abroad and this is  the case with  Italclean’s positive experience with emerging sectors, such as that of workwear washing, with contracts signed mostly in Russia and  neighboring countries with tractor manufacturers, oil platforms and carmakers.

The philosophy that distinguishes Italclean’s production is consistently applied  to all of its machines, be it the conventional Liberty dry cleaner, the versatile Miniclean or the powerful SQ dryer. Two are the factors that helped the company penetrate overseas markets: ease of use and ease of servicing,

because these features are universally recognized as indicators of premium

quality and efficiency. “This is the very reason why we always engage in a

lively dialogue with our customers – explains Eugenio Boni – and this interaction generates suggestions and advice to consistently improve our

production”. Simple production strategies add functionality to the machines

and these include: independent access elements, separate heat and cold

batteries, tubes that are easy to disassemble, warning lights always clearly

visible, and easy to operate valves.

All of the pluses above will help Italclean win larger shares of the market and,

as Boni concludes: “To meet our customers’ demand, our company has recently developed a machine capable of cleaning crocodile leather”.

1a parte

Italia non significa solo buona tavola, spiagge, capolavori d’arte, ombrelloni in riva al mare e moda. Come sa bene chiunque consulti le mappe dell’economia nazionale, tutto il Paese brilla anche per le produzioni altamente specializzate di un indotto industriale-artigianale, tuttora definibile come Made in Italy, fra i più competitivi d’Europa. La premessa si applica alla perfezione anche a una regione importante d’Italia come l’Emilia Romagna. Che non è solo spiagge, città d’arte, ballo liscio e tortellini. In ambito industriale uno dei suoi assi nella manica riguarda le macchine per le lavanderie a secco. Ragione per cui, procedendo in ordine alfabetico, non è certo casuale che si parta da tre aziende emiliane per intraprendere un viaggio in più puntate (questa è la prima) attraverso marchi e macchine che da oltre mezzo secolo concorrono a fare la storia di un intero, e così trainante, settore di imprese Made in Italy.

Firbimatic, a scuola di futuro
Sono oltre venti le fabbriche dove, oltre mezzo secolo fa, dalle parti di Bologna, si scopre che percloroetilene e trielina alimentano le lavacontinue del boom economico. In uno di questi laboratori da pionieri dei fratelli Donini un ragazzo di bottega di nome Gino Biagi si lancia in una “competition” condizionata dalla capacità di copiarsi a vicenda macchine “rapide” grazie a cui dominare il mercato.
Quando, nel 1971, urge un sistema produttivo più definito e selettivo, forte delle esperienze fatte, l’ex ragazzo di bottega Gino Biagi dà vita a Firbimatic, di cui è tuttora presidente. Firbimatic è da allora leader mondiale in virtù di una piena autonomia produttiva, grazie alla quale chi acquista una macchina Firbimatic sa che è stata integralmente costruita nello stabilimento di Sala Bolognese: dal “cuore” delle componenti in lamiera al “metabolismo”, basato su impianti frigoriferi di eccellenza. Quanto a carico, la gamma di macchine spazia da 10 a 100 chili per il percloro, e da 10 a 100 per i solventi alternativi.
Fare tutto in casa è presupposto indispensabile per quella costante capacità di innovazione che è l’altro asso nella manica dell’azienda. “In questo senso la parabola più illuminante è quella del laser – racconta il direttore commerciale Mirco Mongillo. – In Firbimatic iniziamo a dotare le nostre macchine di apparati laser nel 1980, quando siamo forse gli unici al mondo a farlo. Oggi la nostra produzione derivata da quei prototipi viene esportata in oltre cento Paesi”.
Nulla come la creatività combatte la stasi a cui tende un mercato attualmente dominato dalla crisi. Se per guardare al futuro servono meno consumi e più tutela ambientale, la risposta Firbimatic è in macchine come la Saver, che con sei kilowatt funziona senza bisogno d’acqua, utilizzando solventi alternativi analifatici di III classe, inodori ed ecologici. Altro fiore all’occhiello è la System K4, a sua volta alimentata da un nuovo solvente alternativo. Si chiama invece Hydroflex la macchina che ne accorpa tre, conglobando funzioni di lavatrice centrifuga ad acqua, asciugatrice a circuito chiuso, e lavaggio a secco con solventi alternativi…

ILSA, la musica vincente
Il catalogo di ILSA, azienda leader delle macchine lavasecco per  pulitintorie, con sede a San Vincenzo di Galliera (Bologna), assomiglia a prima vista a un’enciclopedia. L’impressione non è sbagliata, tanto numeroso e articolato è l’elenco dei modelli a disposizione.
Ma, conversando con chi di ILSA conosce la storia, nata sul finire degli anni Settanta coniugando nomi emergenti  del settore lavasecco e  di quello più generale della carpenteria, si comprende che termine ancora più appropriata è “repertorio”. Parola attinente a quella Musica richiamata da tanti esempi di un’eccellenza ILSA ovunque riconosciuta. Quando il direttore generale Marco Mallegni illustra il modello Ipura, uno dei gioielli dell’azienda, usa non a caso il verbo “levare”, noto a chiunque si appassioni di spartiti ed esecuzioni virtuosistiche. “Ipura è il frutto di una ricerca puntata tutta sul levare, per cogliere l’essenzialità della macchina a discapito del superfluo – racconta Mallegni. – Alla fine abbiamo eliminato centrifuga, vapore, distillazione e la necessità del fissaggio al suolo, ottenendo lo stesso risultati di assoluta eccellenza solo con aria, nebbia di solvente e la necessaria esperienza ed innovazione che ha reso possibile questa sfida tecnologica . Una sfida che il mercato ha dichiarato stravinta da parte nostra, considerando le oltre milleduecento unità vendute in ogni parte del mondo”.
Non solo. Sempre a proposito di Musica, di Ipura si parla come di un “violino perfettamente accordato”, il cui fulcro è il riscaldatore, realizzato in modo da  ottimizzare la temperatura del solvente senza sottrarre energia alla macchina e senza richiederne dall’esterno .
Se Ipura giganteggia nella musica “da camera”, suonata per unità di dimensioni medio-piccole, le grandi sinfonie orchestrali sono affidate alle potenti macchine realizzate per la lavanderia industriale, dove ILSA fa valere i propri cromosomi teutonici, derivanti da una pluriennale posizione di leadership di mercato. Nodo cruciale del settore è, come noto, quello del solvente: da una parte la tradizione del percloroetilene, a cui ILSA dedica due linee (MEC e BW) e dall’altra l’innovazione degli idrocarburi, e dei solventi di ultima generazione alla base di altre  due linee ILSA (C2 ed N2), con varianti di carico che spaziano dai 10 ai 70 chili. Con quella vocazione al nuovo di cui è testimonial il presidente Marino Malaguti. Sin da quando, a un mitico Salone di Parigi, con l’amico Bonvicini stupiva il mondo con la prima macchina a circuito chiuso. Una “Stradivari” per lavanderie.

Italclean, finestra sul mondo
Tutto dentro la sede di Italclean, a San Giorgio di Piano – provincia di Bologna – appare a misura d’uomo. Ambienti lindi e semplici, rapporti quasi familiari, macchine lavorate con passione artigianale. Ai nostri giorni è quanto basta per comunicare con il mondo intero in modo reale e costante, lasciandolo intuire da un sacco di elementi. A cominciare dall’incontro con Jalal che, come già si capisce dal nome, si occupa principalmente dei mercati arabi e africani. E che dà l’ispirazione al direttore commerciale Eugenio Boni per raccontare che “Italclean è un marchio giovane, nato in piena globalizzazione dei mercati, e perciò votato da sempre all’export”.
“La nostra dimensione internazionale – continua Boni – oggi è diventata un autentico asso nella manica. Con la crisi, che da noi si fa sentire così pesantemente, in Italia nessuno cambia più macchinari finché non sono irrimediabilmente defunti. All’estero invece le opportunità restano numerose, se si ha la capacità di  coglierle”. A Italclean è accaduto in settori emergenti come quello del lavaggio delle divise da lavoro, con contratti conclusi soprattutto in Russia e paesi limitrofi con fabbriche di trattori, piattaforme petrolifere, industrie automobilistiche.
Che si tratti di una classica lavasecco Liberty, di una duttile Miniclean o di un poderoso essiccatore SQ, resta immutata la filosofia che alimenta tutti i modelli delle linee Italclean. Due delle ragioni con cui sfondare nei Paesi più lontani sono la semplicità d’uso e la facilità di manutenzione, fattori che abbattono ogni distanza nel segno della qualità e dell’efficienza. “Ragione per cui – precisa Eugenio Boni – noi manteniamo sempre vivissimo il dialogo con i clienti per sviluppare con loro un’interattività basata su consigli e suggerimenti per una costante miglioria della produzione”. Gli accorgimenti adottati sono elementari quanto funzionali, come l’indipendenza degli elementi d’accesso, la separazione fra batteria del freddo e del caldo, la smontabilità dei tubi, la posizione sempre visibile delle spie, la maneggevolezza delle valvole.
Tutti presupposti per nuove conquiste di Italclean, “Pronta – conclude Boni – anche a lavare, come ci è stato richiesto, pelli di coccodrillo”.

Check Also

EVENTI — Dubai, novembre 2017 “Gulf Laundrex Linen-Care Expo powered by EXPOdetergo International” In continua crescita le adesioni di aziende italiane ed è ancora possibile iscriversi

Segno del successo arriso all’iniziativa di EXPOdetergo International, diventata per la prima volta organizzatore esclusivo per l’ltalia e …