Home » News » Italia » THE SECRET OF MY SUCCESS – The history of Milan, one tablecloth at a timeIL SEGRETO DEL MIO SUCCESSO – La storia di Milano una tovaglia dopo l’altra

THE SECRET OF MY SUCCESS – The history of Milan, one tablecloth at a timeIL SEGRETO DEL MIO SUCCESSO – La storia di Milano una tovaglia dopo l’altra

Since 1887 the Bezzi family laundry has served only the best restaurants in Milan  “The future depends on our ability as Italians, to create a network against unfair competition and to safeguard credit. We can learn from the Chinese”

Dal 1887 la lavanderia della famiglia Bezzi serve solo i migliori ristoranti meneghini “Il futuro dipende dalla capacità di noi italiani di fare rete
contro la concorrenza sleale e a tutela del credito. Impariamo dai cinesi”Thousands of sweethearts have whispered passionate words of love while anxiously crumpling their napkin.  Thousands of entrepreneurs have decided the future of their businesses while drumming their fingers on the tablecloth.  Thousands of celebrations with family and friends have ended with a happy toast at the close of a meal.
If affairs of the heart, business, and family are the primary reasons for dining out, it’s reasonable to think that for the last 125 years the Bezzi family has done its best to ensure that these scenes take place at the neatest and most welcoming tables, by supplying clean tablecloths and napkins every day to the restaurants in Milan and the surrounding area that rely on its valuable services. This is a success story crafted on the tried and tested synergies between Bezzi and its own excellent suppliers, who make a solid contribution to achieving certain results. Thus, it’s quite clear that the Bezzi laundry service holds on to its leadership role in the marketplace thanks in part to its ability to choose partners that can meet the laundry’s needs not only for machinery and technologies, but also provide the table linens and detergents that are essential to ensuring its customers the most highly qualified and diverse services.

This is how things are done, starting with that white-haired great-grandfather, nick-named Testa Bianca in the Milanese dialect, who in 1887 founded the business that would become “èl lavandé de Milàn” [Milanese for the Laundry of Milan]. The name can be seen on the company’s delivery trucks as they make their daily rounds to and from Milan’s restaurants and the Bezzi headquarters, located (since 1976) in Settimo Milanese, a community on the outskirts of Milan. Four generations of launderers, soon to be followed by a fifth, considering that the young Stefano Bezzi already works alongside his father Marco, his uncle Luca, his grandfather Adriano, and 25 employees of the family business. “I told him that times are tough right now – says Marco Bezzi – and that we were luckier in my day, because we really did see a better future ahead of us. Apparently, he can see that this is a business that is worth continuing to build.  Just as my brother, my father and I figured it out. So we changed the English-version of the company name  (Bezzi Laundry Service) back to the warmer, more familiar dialect, Lavandé de Milàn, which conveys the message that we have been around for a long time, and we will continue to do our part to make this great, beautiful city hospitable”.
The path the Bezzi family has taken in interpreting this role is characterized by the notion of a high “degree of humanity”. Viewing the task at hand above all as a service to the citizen-customer, and not a business relationship. “First and foremost, this means providing nothing less than superior performance – explains Luca Bezzi – otherwise, you can be sure they would come to us and demand that the tablecloth overlays be ironed with the proper crease. But this is only one layer of service, because often we go above and beyond, as our father Adriano taught us. Certain restaurateurs still go to him to have their  pots and pans repaired. Only in this way can that underlying sense of ‘familiarity’ be instilled. And, to give you another example of that, we just finished supplying jute sacks to a restaurant in the Porta Romana district that is organizing a sack race”.
The key word around which the Bezzi’s success stories revolve is “partnership”. Which means a deep mutual understanding and decision-making, possibly over the long term, with both the suppliers of machinery and products capable of ensuring high quality performance, and with our clients, who form part of the circle of the most renowned restaurants in Milan. “Our loyalty to our restaurants is a crucial factor – emphasizes Marco Bezzi – because it allows us  to understand a lot of things. Above all, the guarantee that our clients are the recipients of a highly specialized service, because here, for more than a century, we have been washing and ironing tablecloths and napkins.
And then, the volume of our business, which handles on average 5500 kilos [12,125 lbs] per day. Manageable numbers that ensure the client receives customized artisanal treatment, targeting their specific needs. This is the reason why we have never been tempted to take the leap to servicing hotel linens, where the volume increases considerably, along with production rhythms, which might force us to be closed for only 5 days a year”.
“Instead, we follow the example of our father – continues the brother, Luca – for whom the wellbeing of our employees is an absolute priority. Obviously, starting with their paychecks, but without overlooking the small everyday pleasures, like the card games at certain lunch breaks, where we really have a ball playing belot and rebelot “.
Given the current economic crisis, the problem is that the human element needs even further development, according to the Bezzi family. In other words, it’s not enough to practice a thoughtful corporate culture. It needs to be applied on the network level.  “I wish we Italian launderers could learn from the Chinese – explains Marco Bezzi – by creating a network system. The Chinese come here to buy businesses, and objectively speaking, it’s not that they don’t encounter any difficulties — rent is 30% higher because they are Chinese; there might be quite a bit of asbestos to remove, and perhaps an entirely new electrical system to be installed. And yet, they manage, because clearly they know how to help each other, and among themselves, they never default on a payment. The Chinese launderer can absolutely count on those Euros coming in from their fellow Chinese restaurant-owner customers”.
“It’s clear that a network of Italians could be created by focusing on the element of quality. When you consider that, as far as rental services go, the Chinese provide tablecloths and napkins at unbeatable prices, the comparison takes on more validity in terms of sales, which are more cost effective for restaurants where a minimum number of diners is matched by superior service”.
“And it also means taking a common stand on two fronts: the battle against unfair competition, and the protection of credit – adds Luca Bezzi. If one laundry lowers its prices by paying its employees under the table, this needs to be stopped. In the same way, when faced with a new client, knowing about any outstanding balances helps me to avoid being exposed to a possible insolvency, and their former creditors to have a point of reference to work from”.
Parole sante [How true], as they used to say, back in their white-haired grandfather’s day, when the Bezzi legend began. And which, for now, does not end when the table’s cleared. But goes on …

Migliaia di innamorati che hanno sussurrato la loro passione stritolando un tovagliolo. Migliaia di imprenditori che hanno deciso il futuro della propria azienda tamburellando le dita sulla tovaglia.  Migliaia di persone festeggiate da amici e parenti felici di alzare i calici del brindisi finale.
Se cuore, affari e famiglia sono i principali motivi per cui si va al ristorante, è sensato asserire che da 125 anni la famiglia Bezzi si adopera affinché tutte queste scene avvengano nel contesto più lindo e accogliente, fornendo ogni giorno tovaglie e tovaglioli puliti ai locali che, a Milano e dintorni, usufruiscono dei suoi pregiati servizi. Un successo dovuto alle collaudate sinergie tra i Bezzi e fornitori e produttori d’eccellenza, che contribuiscono in modo determinante al conseguimento di certi risultati. In questo modo risulta chiaro che la lavanderia Bezzi mantiene un ruolo leader nel mercato anche grazie alla capacità di scegliere partner in grado di fornire loro, oltre alle macchine e alle tecnologie, anche i tovagliati e i detergenti indispensabili per garantire alla clientela i servizi più qualificati e differenziati.

Così funziona a partire da quel bisnonno, soprannominato in dialetto milanese Testa Bianca, che nel 1887 apriva un’impresa destinata a diventare “èl lavandé de Milàn” di cui oggi si legge sui furgoncini della ditta, quotidianamente avanti e indietro fra ristoranti meneghini e sede della Bezzi, dal 1976 operativa alle porte di Settimo Milanese. Quattro generazioni di lavandai destinate a essere seguite da una quinta, considerando che un giovane Stefano Bezzi già lavora assieme a papà Marco, allo zio Luca, a nonno Adriano e ai venticinque dipendenti dell’azienda di famiglia. “Io gliel’ho detto che oggi è dura – racconta Marco Bezzi – e che ai miei tempi eravamo più fortunati, perché vedevamo davvero un futuro migliore davanti a noi, ma lui evidentemente sa che qui c’è una storia importante da mandare avanti. Così come lo abbiamo capito io, mio fratello e mio padre, trasformando la dicitura inglese Bezzi Laundry Service in questo più nostrano e caldo Lavandé de Milàn, che significa siamo qui da tanto tempo, e continueremo a fare la nostra parte per rendere ospitale questa grande e bellissima città”.
La via seguita dalla famiglia Bezzi per interpretare questo ruolo è caratterizzata da un alto “tasso di umanità”. Come se il compito da svolgere fosse un servizio al cittadino-cliente, e non solo un rapporto commerciale. “Ciò significa innanzitutto offrire prestazioni di assoluta eccellenza – spiega Luca Bezzi – sennò mica vengono da noi a esigere i coprimacchia stirati con la piega come si deve. Ma questa è solo la base, perché spesso si va oltre, come ci ha insegnato nostro padre Adriano, da cui certi gestori vanno ancora a farsi aggiustare le pentole. Solo così si instaura quella familiarità in base a cui, per farti un altro esempio, abbiamo appena fornito dei nostri sacchi di iuta a un ristorante di Porta Romana che ha organizzato una corsa con i sacchi”.
La parola chiave attorno a cui ruotano la storia e il successo dei Bezzi è “partner”. Che significa intese profonde e scelte condivise, possibilmente sul lungo termine, sia con fornitori di macchine e prodotti in grado di garantire performance di alta qualità, che con clienti inseriti nel circuito dei più rinomati locali milanesi. “E’ importante sottolineare la nostra fedeltà ai ristoranti – precisa a questo proposito Marco Bezzi – perché consente di capire molte cose. Innanzitutto la garanzia di fornire a chi si serve da noi un’altissima specializzazione, perché qui da oltre un secolo si lavano e stirano tovaglie e tovaglioli.
E poi la dimensione dell’azienda, che tratta una media di 55 quintali di tovagliato al giorno. Numeri gestibili, che garantiscono al cliente un trattamento di tipo artigianale, mirato ai suoi bisogni. E’ questo il motivo per cui non abbiamo mai voluto fare il salto nell’alberghiero, dove i volumi aumentano in modo sensibile, ma anche i ritmi di produzione, che magari ti obbligano a chiudere l’azienda solo cinque giorni all’anno”.
“Qui invece seguiamo l’insegnamento di nostro padre – continua il fratello Luca – per cui il benessere dei dipendenti è una priorità irrinunciabile. A cominciare ovviamente dalla loro busta paga, ma senza dimenticare le piccole gioie di tutti i giorni, come le partite a carte di certe pause-pranzo, in cui giochiamo a belot e rebelot divertendoci come matti”.
Il problema è che, di fronte alla crisi, il fattore umano va ulteriormente incentivato, secondo la famiglia Bezzi. Per cui non basta svilupparlo all’interno della propria ditta. Occorre applicarlo a una dimensione di rete. “Vorrei che noi lavandai italiani imparassimo dai cinesi – chiarisce in proposito Marco Bezzi – cominciando a fare sistema. Loro vengono qui a rilevare attività e, obbiettivamente, non è che i problemi gli manchino: affitto più alto del 30% perché sono cinesi, magari un bel po’ di eternit da bonificare, e un impianto elettrico da installare ex novo. Eppure ce la fanno, perché evidentemente sanno come aiutarsi, e fra di loro non sgarrano mai con i pagamenti. Il lavandaio cinese può contare a occhi chiusi sugli euro dei suoi connazionali ristoratori”.
“Ovvio che una rete fra italiani può essere intessuta puntando sulla qualità. Considerando ad esempio che, sul piano del noleggio, i cinesi forniscono tovaglie e tovaglioli a prezzi imbattibili, il confronto diventa più praticabile passando alla vendita, conveniente per locali dove una minima quantità di coperti si abbina a qualità del servizio”.
“E poi occorre fare fronte comune su due fronti: la lotta alla concorrenza sleale e la tutela del credito – aggiunge Luca Bezzi -. Se una lavanderia abbassa i prezzi pagando in nero i dipendenti, va fermata. Allo stesso modo, di fronte a un nuovo cliente, conoscere le sue pendenze pregresse aiuta me a non espormi al pericolo di insolvenze, e i suoi vecchi creditori ad avere dei riferimenti su cui basarsi”.
Parole sante, si usava dire ai tempi del bisnonno dai capelli bianchi, quando la favola dei Bezzi incominciava. E che per ora non finisce al momento di sparecchiare la tavola. Ma continua…

Check Also

TALENTO ITALIANO — Lavadì, la APP che lava per noi mentre siamo al lavoro o al cinema

E’ appena iniziata a Milano l’avventura italiana di un format che, con il nome di Laundrapp, ha  …