Home » News » Italia » “ASK IF YOU DON’T KNOW”Guida del Pulitintore – “SE NON SAI DOMANDA”

“ASK IF YOU DON’T KNOW”Guida del Pulitintore – “SE NON SAI DOMANDA”

“ASK, IF YOU DON’T KNOW”

Eng. Vittorio Cianci and his Staff are on hand to answer all your questions sent via email to the addresses indicated below.   (Clear answers to complex problems)

• Questions regarding technical problems related to the materials, defectiveness, toxicity, complaints, advance info on materials and care problems, textile chemistry applied to cleaning.

GUIDA DEL PULITINTORE
“SE NON SAI DOMANDA”

L’Ing. Vittorio Cianci e il suo Staff di collaboratori saranno a vostra disposizione per rispondere a tutte le domande che invierete via e-mail agli indirizzi indicati  (Risposte chiare a problemi complessi) • Domande riguardanti problemi tecnici legati ai materiali, alle      difettosità, alla tossicità, ai reclami, alle anticipazioni dei materiali, alle problematiche di manutenzione e alla chimica tessile del lavaggio.

• Questions concerning disputes

• General information

• Textile care and industrial chemistry issues affecting washing

THE EXPERT’S ANSWER Questions should be sent to info@deterg.eu or lart@lartessile.it  The most interesting questions and related answer will be published

ANSWERS TO THE QUESTIONS RECEIVED IN DECEMBER

The current status of sanctions for incorrect care and composition labeling that may be sanctioned

Chambers of Commerce have recently inspected several shops and issued fines  for formally incorrect composition labels. As regards labels bearing incorrect fiber composition, few fines were inflicted (mostly by the fiscal police for goods imported or made in Italy). By contrast, exported goods are carefully checked by importing countries, primarily China, Japan and America.

As to incorrect care labels, despite the law which entered into force in May 2012, there are no reports of either inspections or fines imposed.

Why do jeans tear while you’re wearing them? What are the finishing treatments for jeans and their toxicity problems?

Consumers usually look for jeans that offer the following characteristics:

* Unlimited freedom of expression

* Dimensional stability

* Mechanical strength

* No twisting when washing

* Color fastness to rubbing

* Low care needs

* No toxicity

With a view to winning over consumers and offer distinctive and unique items, jeans makers offer a number of garment treatments:

* stone bleaching: in order to provide a whitening effect, some chemicals (such as  sodium hypochlorite) are added to the washing process  to fade the fabric.

* bleaching

* super bleaching, almost white

* tie-bleaching, irregular patches

* chemical stone or enzymatic washing with bio-abrasion. In order to achieve a distressed look, enzymes (but no pumice stone) are added in the washing phase. The enzymes react with the cellulose in the cotton, remove the superficial fiber and lend a faded, soft and light look to the garment

* sand blasting

* laser treatments

* resin coating

* permanganate treatments

* machining operations with holes, rips and tears

* sandpaper scratching (whiskers)

* resin coating

All these chemical and/or physical treatments considerably decrease yarn strength and above all seam strength and tear resistance.

Harmfulness and toxicity parameters in denim garments are pH,  permanganate,  formaldehyde, azo dyes.

Chemical treatment with sodium hypochlorite or permanganate must be neutralized to bring pH back to acceptable limits  (4.0-7.50). Often pH is found to be higher than 7.50. Chinese manufacturers always check that pH remains within normal limits to prevent their garments from being returned to them for fixing.

If inadequately neutralized permanganate is used, manganese can remain in the fabric and cause skin irritation.

In resin-coated jeans, the presence of formaldehyde can cause dermatitis.

Linings (especially imported ones) may contain carcinogenic azo dyes.

Questions received in December

Why do garments with polyurethane coating become stiff?

* How can synthetic resin coatings be checked for resistance?

* What do American and Japanese textile care symbols look like?

* What is percale and what ironing temperature does it require? It creases considerably and looks unpresentable.

* Is the use of perchloroethylene prohibited in France?

Domande riguardanti le controversie

Informazioni generali e altre informazioni

Problematiche di manutenzione e di chimica tessile del lavaggio

L’ESPERTO RISPONDE – I quesiti vanno inviati a e-mail: info@detergo.eu oppure a e-mail: lart@lartessile.it Le domande più interessanti saranno pubblicate con relativa risposta

RISPOSTE ALLE DOMANDE PERVENUTE NEL MESE DI DICEMBE

Stato attuale delle sanzioni contro le etichette di manutenzione e composizione non correte e passibili di multa

Attualmente le camere di commercio hanno effettuato vari controlli presso i negozi e applicato le relative multe per etichette di composizione formalmente non corrette. Per quanto riguarda le composizioni delle fibre dichiarate in etichetta diverse da quelle reali poche sono le sanzioni date  e in genere sono emesse dalla guardia di finanza per le merci importate o prodotte in Italia; a differenza per le merci esportate vi sono da parte dei paesi importatori severi controlli in particolare da Cina, Giappone e America.

Per quanto riguarda le etichette di manutenzione non corrette anche se è in vigore la nuova legge a partire dal maggio 2012, non risulta siano stati effettuati controlli e  emesse delle sanzioni.

Perché un pantalone jeans si lacera all’indosso? Quali sono i trattamenti di finissaggio effettuati sui jeans e eventuali problemi di tossicità?

Perché un pantalone jeans si lacera all’indosso? Quali sono i trattamenti di finissaggio effettuati sui jeans e eventuali problemi di tossicità?

Il consumatore chiede di norma ad un jeans le seguenti proprietà

* libertà sfrenata dell’espressione

* stabilità dimensionale

* resistenza meccanica

* nessun avvitamento al lavaggio

* solidità del colore allo sfregamento (interna ed esterna)

* facilità di manutenzione

* non tossicità

Per accontentare il consumatore e rendere i capi sempre unici diversi tra loro le aziende hanno puntato sui trattamenti in capo

* stone bleached: per rendere un effetto di sbiancatura del capo si introducono   nella procedura di lavaggio alcuni agenti chimici quali ipoclorito di sodio, che riducono il colore del tessuto.

* bleached normale

* super bleached-quasi bianchi

* tie-bleached-chiazze irregolari

* stone chimico  o lavaggio enzimatico con bio abrasione: per avere un effetto invecchiato del capo, senza però aggiungere pietra pomice, si introducono, durante la fase di lavaggio, degli enzimi. Questi, reagendo con la cellulosa presente nel cotone, rimuovono la fibra in superficie, dando così al capo un effetto slavato, leggero e morbido:

* sabbiatura

* trattamenti  con laser

* trattamenti di resinatura

* trattamenti di permanganato

* operazioni meccaniche  con effetti di strappo e buchi

* graffiatura con carta vetrata (baffi)

* resinature.

Tutti questi trattamenti chimici e /o fisici riducono di molto le resistenze meccaniche del filato e in particolare la lacerazione o la resistenza delle cuciture.

I parametri di non salubrità e di tossicità che si possono riscontrare nei jeans sono: pH  permanganato  formaldeide coloranti azoici.

I trattamenti chimici effettuati con ipoclorito o permanganato devono essere neutralizzati in modo da portare il pH nei limiti consentiti 4,0-7,50; spesso essi risultano al di sopra  di 7,50. I cinesi controllano di regola e sempre il pH che se superiore ai limiti indicati comporta la restituzione della merce per la risistemazione.

Nei trattamenti con permanganato se non ben neutralizzato rimane nel tessuto del manganese che di certo non fa bene.

Nei jeans resinati è possibile trovare della formaldeide che da luogo a dermatiti.

Nelle fodere (in genere di importazione) si possono trovare coloranti azoici cancerogeni.

                        Domande pervenute nel mese di dicembre

 Perché  i capi con spalmature in poliuretano si irrigidiscono?

Come controllare se una spalmatura in resina sintetica è resistente?

Come sono i simboli di manutenzione americani e giapponesi?

Cosa è il percalle e a quale temperatura  va stirato? Ho visto molte pieghe e l’aspetto è poco presentabile?

E’ vietato l’uso del percloroetilene in Francia?

 

 

 

Check Also

COVER STORY –Ecco la nuova sede di Kannegiesser Italia: la grande “casa” dove crescere con i propri clienti

  Aperta sempre a Opera, nel Milanese: 280 metri quadrati di uffici e 960 di magazzino, …