Home » Eventi » EXPOdetergo International 2014: Luciano Miotto InterviewEXPOdetergo International 2014: Intervista a Luciano Miotto

EXPOdetergo International 2014: Luciano Miotto InterviewEXPOdetergo International 2014: Intervista a Luciano Miotto

Growth will be at the core of EXPOdetergo International 2014

President Luciano Miotto reminds us of the key topics: less consumption, environmental safeguarding, energy savings, technological innovation. The ideal run-up to Expo 2015. With record-setting attendance expected

by Stefano Ferrio

Less than a year and a half from now, the seventeenth EXPOdetergo International will take place. But, it’s a film whose “previews” can already be seen.

Thanks to this trade show, from October 3rd to 6th, 2014, Milan will once again be central to the industry that designs, builds and provides services and products to industrial laundries and dry cleaners around the world. Reason enough to shed light on some questions pertinent to the show, and the market it serves, with the help of Luciano Miotto, president of EXPOdetergo International.

President Miotto, we all remember ExpoDetergo 2010 as a trade show that set records: 16,000 visitors, 50% of whom were foreigners, and a total of 280 exhibitors. Is it reasonable to expect further growth in 2014?

Yes, and not only because EXPOdetergo International has immense, unique and irreplaceable drawing power for the entire Mediterranean market”.

What remains to be said, in this climate of deep, radical change, to express the idea that EXPOdetergo International is still a not-to-be-missed opportunity?

The primary reason is tied to our senses, to the fact that an event like ExpoDetergo provides a place where we can meet people, view machinery, compare products side-by-side, and not on a computer monitor”.

What does this really mean?

Get hands-on experience, ascertain aspects that only direct contact can bring to light. Because, it’s clear that in the computer age, where people are connected 24/7 with the rest of the world, the added value of an expo lies in all the opportunities for human interaction, relationship building, and physical experience”.

Can you give us an example?

Yes, let’s look back again at EXPOdetergo International 2010, the most recent one. By speaking with the business owners and visiting the stands, those who participated clearly understood, for the first time, the importance of two new areas of demand called for by the market. One concerned the need, by the large industrial laundries, for systems capable of tracking the flow of each piece through the cleaning processes. Because, if I can’t follow – in detail and in real time – every stop made by a napkin in its journey to ‘clean’, having an automated system makes no sense. We realized this, with certainty, in Milan, four years ago”.

What was the other revelation you mentioned earlier?

Energy conservation. Because it is clear that in 2010, when the heaviest effects of the financial crisis began to be felt, everyone there was aware of the importance of making significant cuts to the most costly budget item: energy. It was EXPOdetergo International 2010 that set in motion the significant innovative processes that have been developed in the last few years. So, by participating in EXPOdetergo International 2014, it will be possible to get a clear reading of the situation”.

And at the same time see some other, key innovations?

Certainly. Just as an example, it will be interesting to see the most popular trends in goods transport. Because, with the growing costs of transportation, distance becomes a critical factor. How long will it be convenient for a large hospital in Emilia to send its dirty linen all the way to Puglia, to the industrial laundry it uses? Or will it make sense to use an “unknown” laundry nearby, given the high cost of traveling nearly 700 km, round trip?”.

Focusing on the dry cleaning sector, which has been more severely hit by the crisis, what topics might EXPOdetergo International take into consideration?

First and foremost: prices. In other words, how to continue to serve the vast numbers of customers who, having less and less buying power, still need cleaners that can meet their basic needs”.

There doesn’t seem to be an easy answer.

It’s a challenge, you can be sure; but those who don’t figure it out will have less and less breathing room. Another point of no return that EXPOdetergo International will attempt to address is integrated services. In a market that already rewards those dry cleaners that are able, without waging war on the industrial giants, to offer a fundamental and winning combination of dry-cleaning, self service, and hand-made services like alterations and repairs”.

Speaking of technology, what can we expect from ExpoDetergo 2014?

It’s too soon to say, although it certainly will be important to have paid attention to what the market has been asking for over the last few decades”.

For example?

When a product works, and therefore creates innovation, it will tend toward competitive pricing. It was true of the super-fast spin cycle washing machines. In the course of twenty years their usefulness was so clearly evident that there was a natural progression from the earliest, massive and bulky, prototypes to the current models which are much more maneuverable, light and functional. Clearly, such constant and widespread demand made the prices more competitive”.

You make it sound like everyone wins.

Exactly, the client goes to the trade show to see and buy. And the suppliers have this priceless opportunity to demonstrate and sell their products that only comes with the show”.

Lower consumption, less pollution, more energy conservation. The topics for EXPOdetergo International 2014 are the same ones that will be taken up a few months later by Expo’ 2015, also taking place in Milan…

We are well aware, EXPOdetergo International must be a huge advertisement for Expo 2015. It’s an opportunity we won’t let get away”.

Il cuore della crescita batterà a EXPOdetergo International 2014

Il presidente Luciano Miotto ricorda i temi portanti: minori consumi, tutela ambientale, risparmio energetico, innovazione tecnologica. Un’anteprima ideale per l’Expo’ Universale del 2015. Con relativo nuovo record di presenze

di Stefano Ferrio

Manca meno di un anno e mezzo alla diciassettesima edizione di EXPOdetergo International. Ma è un film di cui possiamo giù gustarci qualche “prossimamente”.

Grazie a questa fiera, dal 3 al 6 ottobre 2014 Milano tornerà a essere “cuore” dell’industria che in tutto il mondo crea, realizza e fornisce servizi e prodotti a lavanderie industriali e “a secco”. Ragione fondamentale per fare il punto su vari argomenti inerenti la fiera, e il mercato che la riguarda, assieme a Luciano Miotto, presidente di EXPOdetergo International.

Presidente Miotto, tutti ricordiamo ExpoDetergo 2010 come fiera dai numeri record: 16mila visitatori, di cui il 50% stranieri, per un totale di 280 espositori. E’ ragionevole ipotizzare una crescita ulteriore nel 2014?

Sì, e non solo perché EXPOdetergo International costituisce un polo attrattivo, unico e insostituibile, per tutto il mercato del Mediterraneo”.

E cosa bisogna aggiungere, in quest’attualità caratterizzata da profonde e radicali trasformazioni, per capire che EXPOdetergo International resta un’occasione irrinunciabile?

La ragione principale resta legata ai nostri sensi, alla possibilità che una manifestazione come ExpoDetergo ci dà di incontrare persone, vedere macchine, recepire messaggi, fare confronti dal vivo, e non tramite lo schermo di un computer”.

Ciò cosa significa?

Potere toccare con mano, appurare fenomeni che solo il contatto diretto può mettere in luce. Perché è chiaro che in un presente dove, tramite i pc, io sono collegato 24 ore su 24 al resto del mondo, il valore aggiunto di una expo’ consiste in tutte le opportunità legate al fattore umano, alle relazioni, all’esperienza fisica”.

Può fare un esempio?

Sì, torniamo pure a EXPOdetergo International 2010, la fiera precedente a questa. Chi vi partecipò, parlando con gli operatori e visitando gli stand, colse per la prima volta in modo netto l’importanza di due nuove domande espresse dal mercato. Una riguardava la necessità, da parte delle grandi lavanderie industriali, di servirsi di sistemi in grado di tracciare in modo integrale il percorso di ogni pezzo all’interno dei propri processi operativi. Perché se io non posso seguire nei dettagli e in tempo reale ogni tappa compiuta da un singolo tovagliolo, servirsi dell’automazione non ha più alcun senso. Ecco, questo capimmo con precisione a Milano, quattro anni fa”.

L’altra rivelazione, a cui prima faceva cenno, cosa riguardò?

Il risparmio energetico. Perché è chiaro che nel 2010, mentre la crisi economica iniziava a far sentire i suoi effetti più pesanti, tutti lì si resero conto dell’importanza di ridurre in modo importante la voce di spesa più gravosa, cioè l’energia. Fu proprio EXPOdetergo International 2010 a dare il la a processi di innovazione che in questi anni si sono sviluppati in modo considerevole. Per cui, partecipando a EXPOdetergo International 2014, sarà possibile fare il punto esatto della situazione”.

E si potrà nello stesso tempo cogliere altre, importanti novità?

Di sicuro. Solo per fare un esempio, sarà interessante cogliere gli orientamenti principali sul tema della movimentazione della merce. Perché, con i costi crescenti dei trasporti, le distanze acquistano peso. Per il grande ospedale emiliano quanto continuerà a essere conveniente mandare la biancheria sporca fino alla lavanderia industriale di cui si serve, in Puglia? O non sarà il caso di ricorrere a una qualche azienda più vicina, visto i costi così elevati relativi a quasi 700 chilometri di distanza, da percorrere andata e ritorno?”.

Mettendo a fuoco il settore del lavaggio a secco, che più ha risentito della crisi, quali sono i temi su cui EXPOdetergo International potrà fare luce?

Innanzitutto quello dei prezzi. Ovvero come continuare a servire la grande massa dei clienti che, pur avendo sempre meno potere d’acquisto, hanno tuttora bisogno di lavanderie in grado di soddisfare certi loro bisogni primari”.

Non pare facile venirne a capo.

E’ una sfida, non c’è dubbio, ma chi non la affronta si ritroverà il fiato sempre più corto. Un altro punto di non ritorno, su cui EXPOdetergo International ci aiuterà a fare luce, è quello dei servizi integrati. Avendo presente un mercato che già premia quelle lavanderie a secco che, senza bisogno di fare la guerra ai colossi industriali, offrono un fondamentale e vincente mix di dry-cleaning, sistemi self service e servizi artigianali come la sartoria”.

Parlando di tecnologia, cosa possiamo attenderci da ExpoDetergo 2014?

E’ presto per dirlo, anche se sarà bene fare tesoro di quanto il mercato ha indicato in questi ultimi decenni”.

Ad esempio?

Che quando un prodotto funziona, e quindi crea innovazione, tenderà poi a prezzi competitivi. E’ stato il caso delle lavatrici super-centrifuganti. Nel giro di vent’anni la loro utilità è stata recepita in modo così forte da passare con naturalezza dai primi prototipi, così massicci e ingombranti, ai modelli attuali, molto più maneggevoli, leggeri e funzionali. Ovvio che una domanda così costante e diffusa ha reso più competitivi i prezzi”.

Lei fa capire che tutti ne traggono vantaggio.

Esatto, il cliente va alle fiere proprio per vederle e sceglierle. E i fornitori, che solo alle fiere hanno quest’impagabile possibilità di venderle e farle conoscere”.

Meno consumi, minor inquinamento, maggior risparmio energetico. I temi di EXPOdetergo International 2014 sono gli stessi temi che saranno ripresi pochi mesi dopo dall’Expo’ 2015, in programma sempre a Milano…

Lo sappiamo da sempre, EXPOdetergo International deve diventare un grande spot dell’Expo’. E’ un’occasione che non ci lasceremo sfuggire”.

Check Also

L’EVENTO — EXPOdetergo International verso il pienone. Si raccomanda vivamente la pre-registrazione

  EXPOdetergo International è ormai a un passo. Dal 19 al 22 ottobre le porte di …