Home » News » Italia » Success stories – Trevil ‘irons out’ the futureAziende di Successo 3 – Così Trevil stira il futuro

Success stories – Trevil ‘irons out’ the futureAziende di Successo 3 – Così Trevil stira il futuro

Trevil ‘irons out’ the future 

The challenge lies in having machines for everyone, from a gem like the Pantastar, for traditional laundries, to the Trevilself, designed for coin-op laundries  
With the stamp of quintessentially Italian creativity  

by Stefano Ferrio

Così Trevil stira il futuro 

La sfida consiste nell’offrire macchine a tutti da gioielli come Pantastar per le tintorie artigianali al Trevilself ideato per le lavanderie self serviceNel segno della creatività più squisitamente italiana.

di Stefano FerrioPersonality of the month

Corinna Mapelli, marketing director, works alongside her father, Felice Mapelli, in managing Trevil, a company that in 30 years of history has earned an excellent reputation among the top ten global manufacturers of professional ironing machines. With a network of more than 150 exclusive importers around the world, its business spans the entire international marketplace.
Founded in the early 1980s, Trevil was among the first companies to introduce new quality standards and technological innovations to the professional ironing equipment market for the laundry and garment sectors, as well as in the area of electric steam generators for the industry. It has consistently countered market challenges with successful strategies, and in just over 25 30 [correggere anche italiano] years of history has achieved outstanding growth and production results, becoming one of the most reliable and energetic companies in its sector. A trend that expanded even further after Corinna Mapelli came on board. She brought with her the skills associated with an engineering degree and the creative talents of an inventor of machinery and patents.  
Trevil designs and builds professional ironing equipment to meet the needs of three different sectors.
Laundering: Laundry/drycleaners, industrial laundries, and institutional laundries.
Garment industry: clothing manufacturing industry, clothing store chains, reconditioning systems
Electric steam generators for industrial use: food processing, beauty treatments, medical disinfection, metal washing, and specific market demands.

There’s magic, and more magic in a constantly creative lab of Italian ingenuity like Trevil. An ‘ironing’ factory that produces electronic “gunslingers” like the Super Spotty spot remover and irons with “seam ripping opening” powers.
The magic of a gem like Pantastar has traveled around the globe, bringing happiness to an incalculable number of pants-owners. All of this thanks to years and years of thorough technological research aimed at turning two machines into one  – and here it is: the “magical prodigy” – combining the  automated functions of a topper (used to iron finish the waistband and upper portion of pants) and the press, used to iron pant legs put the crease. With the equally impressive bonus of having provided traditional laundries with an excellent solution for every customer – from young girls with tiny waists to their super-sized uncles, and their ‘casual-dress’ relatives with a passion for stretch fabrics, or timeless velvet corduroy.
Recently, there is a much simpler kind of “magic” (but amazing in its own way), the Trevilself, in other words, a flipper-style coin-op machine. The coin turns on the iron, which is safely connected to the ironing board upon which (just imagine) you have placed the linen that just came out of the washing machine. A few seconds later, you can begin ironing, even those of us who are not professionals but, in need of a pair of pants to wear to dinner, run out to the self-service laundry where we find, recently installed, alongside the usual washing machines, the Trevilself, ready and waiting for customers.
At this point, it’s clear that if we are talking about magic, it’s not because we are referring to ‘spells’ arising from unknown origins. No, indeed, here everything is crystal clear, and easily understood in light of an extremely advanced and functional technology. But it’s such an elegant and amazing technology that it still calls for the word “magic”, as often is the case with the best made-in-Italy inventions.
Coming back to Trevilself, the idea of automating and then making a self-service machine of this kind is truly something that would have been hard to imagine until recently, in what appeared to be an unchangeable and strictly regimented sector like the ironing and finishing business. A conservative trend well known at Trevil (based in Pozzo d’Adda, Italy) where 30 years of company history read like the print-out of a telescope constantly focused on the problems and transformations taking place in laundries of all kinds. “Instead, what’s happening is that over the last few years our market has been subjected to such a swirling, constantly moving change that every productive sector, and all types of use, have been affected.  Even coin-ops where, in the past, it was supposed that washing was the only option, and certainly not ironing”. These are the words of Corinna Mapelli, marketing director – and not only – for Trevil, the company founded and still run by her father, Felice. That “not only” means that Corinna Mapelli is also building a reputation in the family business as a talented inventor, putting to use the skills learned along the path to her engineering degree.
“The idea was brought up by some of our customers – explains Corinna Mapelli – interested in investing in a self-service sector like laundries, which continues to operate even under the cloud of a financial crisis, provided that the end user can be attracted by an array of complete and well-rounded services. Specifically, they wanted to have an iron with certain features, available for use. Above all, it had to be totally safe to use, an absolute must when heat and electricity are involved, and have rapid heating ability, be something that everyone could use with ease, and be accessed via coins or a prepaid card”.
“Clearly, when I’m speaking of customers – continues the marketing director – top of mind are the owners of those independent laundries whose labors have built our history, embracing and successfully using the products that have come out of this factory. For example, I’m thinking of those who believed, from the very beginning, in a historic breakthrough like Trevistar, a shirt-finisher exported around the world. Here, too, listening to the impressions and recommendations made by those who purchased it, we were able to improve the product. The new version we are now delivering is more efficient in terms of speed, ergonomics and finishes, so that it takes less than a minute to finish each shirt”.
These products are all the result of work exhibited on the global runway of Texcare, the Frankfurt trade show for laundry machines, where Trevil distinguished itself for its total attitude of openness to market demands. Trevil has also made forays into sectors that until a few years ago were considered auxiliary, but which are now growing — like steam generators, where Trevil products range from reliable work tools like Faber, an iron with boiler, to the robust electric generators in the Geyser line.
“Besides, only with a consistently expanding line, and being able to meet the most diverse requests, can Trevil continue to play a leadership role in the international market, certified by a network of 150 exclusive importers, in every corner of the world”, explains Corinna Mapelli. She goes on to specify: “Let’s bear in mind that in the laundry market the financial crisis has sharpened the differences between those who have shown themselves to be capable of adapting to the circumstances and relaunching their product lines. On one hand, the giants of the industrial laundries, and on the other, those small-sized dry cleaning businesses that I like to think of as boutiques, because their services have become so precious and exclusive for their customers”.
“A company like Trevil – continues the marketing director – must keep pace on both fronts, with one eye on all the trends and processes that are currently taking us to increasingly high levels of automation. On the other hand, it’s easy to understand that, in these tough financial times, investors are primarily focusing on industrial-style automation, where the goal is to lower production costs, and to offer prices that are within the reach of all types of users”.
“The challenge – concludes Corinna Mapelli – lies in automating the processes without ever losing sight of the traditional independent creative spirit that distinguishes Italy as a leader in the ironing market”.
And without saying no to global communications opportunities. Seeing is believing on the Trevilfinishing channel created just for the YouTube platform. From Pantastar to universal machines like the Princess Ultra and Treviform, it’s a catalog full of technologies, pure “magic”.

Personaggio del mese

Corinna Mapelli, direttrice marketing, affianca il padre Felice Mapelli nella conduzione della Trevil, azienda che in trent’anni di storia ha conquistato una posizione di eccellenza fra i primi dieci produttori mondiali di sistemi di stiratura professionale. Con una rete di più di 150 importatori esclusivisti nel mondo, la sua attività spazia su tutto il mercato internazionale.
Fondata nei primi anni ’80, Trevil è stata tra le prime aziende a introdurre nuovi standard di qualità e d’innovazione tecnologica nel mercato delle apparecchiature di stiratura professionale per i settori della lavanderia e dell’abbigliamento, e in quello dei generatori elettrici di vapore per l’industria. Ha sempre affrontato con successo le sfide del mercato e in poco più di 30 anni di storia ha ottenuto risultati produttivi e di crescita di assoluto rilievo, divenendo una delle più solide e dinamiche imprese del suo comparto. Un trend ulteriormente sviluppatosi dopo l’ingresso in azienda di Corinna Mapelli, che ha portato in Trevil le competenze di una laurea in ingegneria unite al talento creativo di un’inventrice di macchine e brevetti.
Trevil progetta e realizza apparecchi professionali per la stiratura destinati a tre principali settori.
Lavanderia: Lavanderia/lavasecco al dettaglio, lavanderie industriali, lavanderie di comunità.
Industria dell’abbigliamento: industrie di confezione, catene di negozi di abbigliamento, impianti di ricondizionamento
Generatori elettrici di vapore per usi industriali: trasformazione alimentare, trattamenti estetici, disinfezione medica, lavaggio metalli, specifiche richieste dal mercato.

C’è magia e magia in un laboratorio permanente della creatività italiana come Trevil. Una factory della stireria da dove escono “pistoleri” elettronici come lo smacchiatore Super Spotty e ferri da stiro dotati di potere “apricuciture”.
La magia di un gioiello come Pantastar ha fatto il giro del mondo, rendendo felice un numero ormai incalcolabile di possessori di braghe. Tutto ciò grazie ad anni e anni di accurata ricerca tecnologica per fare di due macchine una – ecco il “prodigio” – coniugando in una sintesi di automatismo il topper usato per lo stiro del bacino e la pressa adibita alla gamba del pantalone. Con la non secondaria particolarità di avere fornito alle lavanderie artigianali una soluzione buona per ogni cliente: dalle fanciulle con vitino di vespa agli zii formato extralarge, senza lasciar fuori i parenti casual affezionati ai tessuti elasticizzati o agli intramontabili velluti.
In tempi recenti c’è poi la “magia” molto più semplice, ma a suo modo spettacolare, di Trevilself, ovvero quella in stile flipper prodotta da una moneta che, una volta inserita nella macchina, attiva e accende il ferro collegato in totale sicurezza all’asse su cui abbiamo posato la biancheria uscita dall’oblò. Pochi istanti, e possiamo iniziare a stirare perfino noi, che non lo facciamo di professione ma, avendo un paio di braghe da recuperare per cena, siamo scesi nella lavanderia self sotto casa dove, da poco tempo, accanto alle consuete lavatrici, il cliente ha a disposizione anche Trevilself.
Giunti a questo punto, si capisce che se parliamo di magia, non è perché stiamo assistendo a incantesimi di cui risulta impossibile spiegare l’origine. Qui in realtà tutto è limpido, nonché comprensibile alla luce di una tecnologia quanto mai avanzata e funzionale. Ma è una chiarezza così lineare e stupefacente da invocare lo stesso la parola “magia”, come sempre succede davanti ai migliori frutti dell’ingegno made in Italy.
Tornando a Trevilself, automatizzare e rendere self service una macchina del genere è in effetti un qualcosa che si faticava a immaginare fino all’altro ieri, tanto appariva immutabile e codificato un settore come questo dello stiro. Un trend conservativo ben noto alla Trevil di Pozzo d’Adda, dove trent’anni di storia aziendale significano un monitor sempre acceso sulle problematiche e le trasformazioni delle lavanderie di ogni tipo. “Succede invece che il nostro mercato è da qualche anno soggetto a cambiamenti così continui e vorticosi da implicare qualsiasi comparto produttivo, qualsiasi modalità d’uso. Anche nel settore del selfservice, dove in passato si riteneva possibile solo lavare, e non stirare”. A parlare così è Corinna Mapelli, direttrice marketing – e non solo – della Trevil, fondata e tuttora guidata da suo padre Felice. Quel “non solo” sta a significare che Corinna Mapelli fa fruttare nell’azienda di famiglia anche un talento da inventrice, maturato attraverso la laurea in ingegneria.
“L’idea ci è stata sollecitata da alcuni clienti – spiega Corinna Mapelli – interessati a investire in un settore come il self service, dove si continua a lavorare anche in tempi di crisi, ma a patto di far trovare all’utenza un servizio sempre più completo e articolato. Nello specifico si chiedeva di avere a disposizione un ferro da stiro dotato di precise caratteristiche: innanzitutto una totale sicurezza, d’obbligo quando si ha a che fare con il calore e l’energia elettrica, e poi una necessaria rapidità di riscaldamento, una maneggevolezza a portata di tutti, e un accesso legato al pagamento tramite moneta o tessera ricaricabile”.
“Ovvio che quando parlo di clienti – continua la direttrice del marketing – in cima ai miei pensieri restano i titolari di quelle lavanderie artigianali che hanno fatto la nostra storia, accogliendo con successo i prodotti usciti da questa fabbrica. Mi riferisco ad esempio a chi ha creduto sin dal primo momento a una creazione ormai storica come Trevistar, uno stira-camicie esportato in tutto il mondo. Anche in questo caso, ascoltando le valutazioni e i suggerimenti di chi lo acquistava, siamo andati a migliorare il prodotto, di cui ora forniamo la nuova versione, più efficiente quanto a velocità, ergonomia e finiture, così da utilizzare meno di un minuto per ogni camicia”.
Sono tutti frutti di un lavoro esibiti con successo nella passerella mondiale di Texcare, fiera di Francoforte delle macchine per lavanderia, dove Trevil si è fatta segnalare per un’apertura totale sulle domande del mercato. Ne arrivano anche da settori fino a pochi anni fa di contorno, ma oggi in crescita, come quello dei generatori di vapore, dove Trevil spazia da affidabili strumenti di lavoro come Faber, ferro da stiro con caldaia, ai corposi generatori elettrici della linea Geyser.
“D’altra parte solo con un’offerta sempre più ricca e in grado di rispondere alle più diverse domande, Trevil può continuare a esercitare sul mercato internazionale una leadership certificata da ben 150 importatori esclusivisti, sparsi in ogni angolo del mondo” spiega Corinna Mapelli. Che poi precisa: “Teniamo presente che nel mercato della lavanderia la crisi ha affinato le differenze fra soggetti dimostratisi capaci di adeguarsi, e rilanciare la propria offerta: da una parte i colossi delle lavanderie industriali, e dall’altra quelle piccole aziende del secco che mi piace paragonare a boutique, tanto preziosi ed esclusivi sono diventati i loro servizi per l’utenza”.
“Un’azienda come Trevil – chiarisce la direttrice marketing – deve tenere il passo su entrambi i fronti, con un occhio di riguardo per tutte quelle tendenze e quei processi che stanno attualmente portandoci a gradi sempre più avanzati di automazione. D’altra parte è facile intuire che, con questi chiari di luna economici, gli investitori guardano soprattutto al mercato dell’automazione di stile industriale, dove si punta da una parte ad abbattere i costi di produzione, e dall’altra a offrire tariffe accessibili da parte di ogni tipo di utenza”.
“La sfida – conclude Corinna Mapelli – consiste nell’automatizzare i processi senza mai tralasciare quella creatività di tipo artigianale che da sempre fa dell’Italia il Paese leader nel mercato dello stiro”.
E senza dire no alle opportunità della comunicazione globale. Vedere per credere il canale Trevilfinishing appositamente inserito nella piattaforma di Youtube. Da Pantastar a manichini universali come Princess Ultra e Treviform, è un catalogo di tecnologiche, bellissime “magie”.

Check Also

COVER STORY — La “Cool Chemistry” di Christeyns ha fatto “boom” nelle lavanderie industriali

Un anno di commercializzazione della “chimica gentile” è bastato alla divisione italiana della multinazionale belga …