Home » SUCCESS STORIES – Christeyns, a “profitable zero”AZIENDE DI SUCCESO – CHRISTEYNS, l’unico “Zero” che si trasforma in Maggior Profitto

SUCCESS STORIES – Christeyns, a “profitable zero”AZIENDE DI SUCCESO – CHRISTEYNS, l’unico “Zero” che si trasforma in Maggior Profitto

SUCCESS STORIES

Christeyns, a “profitable zero”

The international group fosters development through partnerships with its clients and a new technology designed to achieve the ultimate energy efficiency in the laundry

AZIENDE DI SUCCESO CHRISTEYNS, l’unico “Zero” che si trasforma in Maggior Profitto Con una tecnologia realizzata per ottenere il massimo risparmio energetico oggi possibile in lavanderia, questo gruppo internazionale punta a uno Sviluppo basato su partnership con i clienti Nothing great in the world has ever been accomplished without passion”, reads Christeyns’ website in quoting the words of the German philosopher Georg Wilhelm Friedrich Hegel that speak volumes about the history and mission of the group, a world’s leader in products and services for laundries. 

Its huge success makes one wonder how a Belgian, family-run company has managed to survive for over 50 years surrounded by international chemical giants. The two key ingredients in the success story of Christeyns have been creativity and innovation, both driven by passion. Determination, ongoing commitment to investments in critical areas such as research and development, teamed with high-caliber staff, have made it possible for Christeyns to develop from a local company founded in 1946 to a modern European key player in the global market.

Over the years, the company’s objective has remained that of offering added value to its clients. The objective was met as a result of the passion and focus on even the smallest details in all of the operations of a modern laundry, the quest for the most innovative solutions, an expert and attentive customer service and the capability to deliver flexible and customized services.

Over the last 10 years, this vision has resulted in an average growth of about 20%. In 2010, Christeyns’ sales volume totaled €141 million. Although the mother company is in Belgium, 90% of the sales volume is achieved outside the national borders. Most of Christeyns’ products are in fact exported all over the world. The company has 500 people on its payroll in 20 European countries and in Morocco.

The first question asked by Christeyns to industry professionals is: “Are you interested in operating a Zero Steam laundry with top productivity and the maximum energy efficiency possible today?”.

If yes, the second question is: “Are you willing to obtain this excellent technology in the only feasible way, that is by entering into a partnership with Christeyns?”.

This is in short the market approach adopted by an industry leader that originated from a family-run Belgian company and that today boasts worldwide operations in the area of laundry technologies.

It is enough to visit Christeyns’ headquarters in Cernusco sul Naviglio (on the outskirts of Milan) to realize that the Zero Steam concept is an enlightening example of the difficult times we are going through today.

As a matter of fact, we understood a long time ago that the term “growth” can no longer be associated with merely “arithmetic” concepts, whereby figures are summed up quantitatively. The same is true for the opposite and much-hyped concept of “degrowth” and its minus sign poised between change and impoverishment that laypersons struggle to understand.

By contrast, a term that can be viewed as sufficiently positive without being overly optimistic is “development”, to be interpreted as transformation, commitment to synergistic actions, and sharing of projects and objectives.

The very history of the group, which is the international offshoot of an illustrious, family-run Belgian company, clearly demonstrates that the continuous commitment to investments in research and to relationships has fostered the development of Christeyns to such an extent that today the company boasts six different units: industrial laundries, chemicals, corporate, chemicals for the building industry, food hygiene and consumer detergents.

As regards laundries, the wealth of knowledge garnered by Christeyns in the course of its history has made it possible to make development-oriented, innovative decisions – that are therefore conducive to development – in a critical area, that of energy savings. Here, Christeyns has developed its revolutionary Zero Steam system by combining and leveraging the excellent results achieved in two specific sectors: heat and water consumption.

HEAT. Several years of research efforts have made it possible for Christeyns to develop a line of equipment and washing processes that enable laundries to use all of the heat produced by a heating plant, avoiding the costly dispersions that were inevitable until recently. Christeyns therefore offers the Heat (X Rotor, X Energo, X Air) and the Steam line (X and X Vent) of heat exchangers, indispensable to meet the zero steam target.

WATER. The heat savings achieved, however, would be thwarted if water consumption remained high even because the cost of water is making an increasing dent in company budgets. This is the reason why Christeyns has introduced the revolutionary washing systems called Sanoxy and Sanoxy Max.

The following example clarifies the potential savings offered by the two solutions. In “old” laundries, the average heat consumption was more than 1.8KW/kg of linen washed, more specifically 0.6 for washing and the remainder for drying and ironing.

With Christeyns’ X Rotor and X Energo heat exchangers it is possible to reduce heat consumption to 0.4 in the washing area and to 0.2 if combined with the Sanoxy or Sanoxy Max washing systems.

But this is not the end of the tale, because Christeyns’ technology offers additional energy savings in the drying and ironing stage and this culminates with a grand finale after washing, when energy consumption in traditional laundries ranged from 1.2 to 1.5 KW/kg of processed linen. Here, the Zero Steam process achieves its ultimate efficiency with a 0.8 consumption in the ironing-drying area and even less than 0.1 in the washing area.

It is obvious that with Zero Steam and its other products and services, Christeyns is offering an all-new approach to all those laundries wishing to forge a partnership”, explains Livio Bassan, managing director of Christeyns Italia. “And, admittedly, this is the only way to conceive the future of the laundry industry, in other words close and ongoing relationships between the operators and the providers of continuously updated and functional solutions”.

“In fact, concludes Livio Bassan, it is enough to take a close look at the history of relationships between suppliers and businessmen in the laundry segment: in the 70s the focus was on product, in the 80s on quality, and in the 90s on service. But since all of these priorities were added one on top of the other, in the new millennium the relationship can be further perfected only by forging long-standing partnerships projected into the future.”

A clear reminder of how the only viable development prospect today must stem from the commitment to shared objectives and close relationships.

“Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione” si legge nel sito della Christeyns. Parole del filosofo tedesco Georg Wilhelm Friedrich Hegel, illuminanti sulla storia e la mission di questo gruppo, leader mondiale in prodotti e servizi per lavanderie Un successo di fronte a cui ci si può chiedere come fa una società belga a conduzione famigliare a sopravvivere da oltre mezzo secolo in mezzo ai giganti internazionali della chimica? Due fattori hanno un ruolo fondamentale: creatività e innovazione, alimentate dalla passione. Determinazione, impegno costante e investimenti in settori nevralgici come Ricerca e Sviluppo, a cui si aggiungono dipendenti di alto livello hanno consentito a Christeyns di trasformarsi dall’azienda locale fondata nel 1946 in un moderno protagonista europeo del mercato globale. Nel corso degli anni l’obbiettivo è stato sempre quello di offrire valore aggiunto ai clienti. Centrato grazie alla passione e alla capacità di considerare ogni aspetto dell’attività di una lavanderia dei nostri giorni, per trovare soluzioni sempre innovative. Un team di assistenza di grande competenza ed esperienza garantisce inoltre una fornitura di servizi flessibile e personalizzata. Negli ultimi dieci anni, questa visione si è tradotta in una crescita media di almeno il 20%. Nel 2010, il fatturato consolidato di Christeyns ha raggiunto i 141 milioni di euro. Sebbene la casa madre si trovi in Belgio, il 90% di questo fatturato è realizzato fuori dal Paese: molti dei prodotti vengono infatti esportati in tutto il mondo. Christeyns conta in totale 500 dipendenti in 20 Paesi europei e in Marocco. Prima domanda che Christeyns rivolge agli operatori del settore: “Vi interessa gestire una lavanderia Zero Steam, che funziona e produce con il massimo risparmio energetico possibile?”. In caso affermativo, seconda domanda: “Siete disponibili ad acquisire questa tecnologia di eccellenza nell’unico modo praticabile, e cioè intraprendendo un percorso di partnership con Christeyns?”. In sintesi, così si rivolge oggi al mercato un gruppo leader nelle tecnologie per lavanderia, operativo in tutto il mondo dopo essersi sviluppato sulle basi di una rinomata azienda familiare belga. Basta una visita alla sua importante sede italiana di Christeyns, a Cernusco sul Naviglio – hinterland milanese – per capire quanto il concetto Zero Steam vada letto come una parabola illuminante sui (difficili) tempi che stiamo vivendo. In effetti, abbiamo capito da un pezzo che non è più il caso di avere come riferimento la parola “crescita”, legata a concetti squisitamente aritmetici, dove i numeri si sommano da un punto di vista quantitativo. Con analoghe considerazioni per l’opposta e tanto sbandierata “decrescita”, dove il senso comune fatica a interpretare quel segno meno, troppo sospeso fra cambiamento e impoverimento. Un termine sufficientemente positivo, senza bisogno di esagerare in ottimismo, è invece “Sviluppo”, inteso come trasformazione, disponibilità alle sinergie, condivisione realistica di progetti e obbiettivi. La storia stessa del gruppo, nato quale articolazione internazionale di una rinomata azienda belga a conduzione familiare, dimostra come la priorità sempre data agli investimenti in ricerca e alle relazioni abbiano favorito uno “sviluppo” tale di Christeyns, da dover oggi considerare ben sei divisioni operative al suo interno: Lavanderie Industriali, Prodotti Chimici, Istituzionale, Prodotti Chimici per Edilizia, Igiene Alimentare e Detergenti di consumo. Per quanto concerne le lavanderie, i patrimoni di conoscenze acquisiti lungo questo percorso hanno consentito di compiere scelte d’avanguardia, e quindi di Sviluppo, in un ambito oggi cruciale come il Risparmio Energetico. Qui Christeyns giunge all’attuale, rivoluzionaria proposta di Zero Steam facendo fruttare e incrociare i risultati di assoluta eccellenza ottenuti in due ambiti ben precisi: il consumo di calore e il consumo d’acqua. CALORE. Anni di continue ricerche, hanno consentito a Christeyns di realizzare una serie di apparecchiature e metodiche di lavaggio grazie a cui le lavanderie possono utilizzare tutto il calore prodotto dalla centrale termica, senza le costose dispersioni da mettere in conto fino a poco tempo fa. La soluzione offerta da  Christeyns consiste negli scambiatori di calore delle serie Heat (X Rotor, X Energo, X Air) e Steam (X e X Vent), risultati fondamentali per centrare l’obbiettivo Zero Steam. ACQUA. Ma le conquiste ottenute sul fronte del calore sarebbero oggi in parte vanificate dai costi crescenti subiti a causa dell’acqua, il cui consumo pesa sempre di più sui bilanci delle lavanderie.  Ecco allora  Christeyns lanciare sul mercato le rivoluzionarie proposte di due sistemi di lavaggio battezzati Sanoxy e Sanoxy Max. Ecco un esempio illuminante di cosa si può ottenere utilizzando queste soluzioni  Christeyns. Nelle lavanderie “antiche” il era di oltre 1,8KW/kg di biancheria lavata, suddiviso in 0,6 durante il lavaggio, e il resto diviso fra essiccazione e stiro. Con gli scambiatori di calore  Christeyns Heat – X Rotor e Heat – X Energo è possibile abbattere questo valore a 0,4 nella zona di lavaggio, e a 0,2 se vengono abbinati ai sistemi di lavaggio Sanoxy o Sanoxy Max. Ma, come si diceva nei bei libri di una volta, “questo è solo l’inizio”, perché la tecnologia Christeyns applica ulteriori risparmi energetici nelle fasi dell’essiccazione e dello stiro, con “gran finale” previsto al momento del dopo-lavaggio, quando nelle lavanderie industriali di tipo tradizionale l’energia impiegata spaziava fra l’1,2 e l’1,5KW/kg di biancheria trattata. Qui il processo Zero Steam completa la sua efficienza permettendo di consumare circa 0,8 nella zona stiro-essiccazione e anche meno dello 0,1 nella zona lavaggio. “E’ evidente che, nel caso di Zero Steam, come di altre offerte di prodotti e servizi, Christeyns si pone in modo radicalmente nuovo nei confronti delle lavanderie che intendono utilizzare qualcosa di più dei semplici servizi, realizzando cioè un autentico rapporto di partnership” spiega Livio Bassan, amministratore delegato di Christeyns per l’Italia. “Questo, d’altra parte è l’unico modo di concepire il futuro del settore lavanderia – continua – ovvero relazioni strette e continuative tra chi si occupa di lavare e chi provvede a rifornire le aziende in modo costantemente aggiornato e funzionale”. “In tal senso – conclude Livio Bassan – basta guardarsi indietro e seguire una scia che arriva fino a oggi. Questa scia ci rammenta che, nel rapporto fornitori-imprenditori della lavanderia, gli anni ’70 sono stati quelli del prodotto, gli anni ’80 della qualità, gli anni ’90 del servizio. Ma dato che ogni cosa si è aggiunta alle altre, senza sostituirle, oggi, ormai nel pieno del nuovo millennio tutto ciò si completa solo dando vita a relazioni compiute e proiettate nel futuro. Partnership, per l’appunto”. Come a rammentare che, al giorno d’oggi, l’unica, praticabile prospettiva di Sviluppo nasce da condivisione di obbiettivi e conseguenti relazioni fra soggetti.

Check Also

COVER STORY — Barbanti, macchine per lo stiro di puro genio “Made in Italy”

Talmente apprezzate e ammirate che nel mondo si è ormai formata una “community” di affezionati clienti …